Tutti gli articoli di Roberta

Vendere vino all’estero: un corso per produttori e manager

Nel settore vitivinicolo l’export sta rappresentando sempre di più una chiave fondamentale per la competitività delle imprese italiane.
I mercati internazionali del vino, però, presentano caratteristiche sempre più complesse -sia per quanto riguarda le caratteristiche del mercato e della distribuzione, sia per ciò che concerne gli aspetti normativi- e per affrontarli è pertanto essenziale la conoscenza delle loro dinamiche di sviluppo e le diversificazioni sia nei mercati tradizionali, che in quelli emergenti.

Per accelerare il processo di acquisizione di competenze utili ed operative, Ethica propone un percorso di formazione rivolto a produttori od operatori del vino che intendono approcciarsi a nuovi mercati, magari partendo da una base di conoscenza “esperienziale” dell’export vitivinicolo.

Si tratta di un eccellente strumento di training per gli area manager interni all’Azienda oppure l’occasione per migliorare la performance dei senior export manager anche attraverso il costruttivo confronto con altre realtà del medesimo settore.

“Il vino italiano è in grado di migliorare ulteriormente le performance sul fronte export, ma questo sarà possibile esclusivamente attraverso un aumento delle figure professionali in grado di affrontare con competenza i mercati internazionali tradizionali ed emergenti” afferma il Direttore del corso Fabio Piccoli (esperto di marketing vitivinicolo e di internazionalizzazione). Il corso proporrà non solo tematiche economiche e dinamiche di mercato, ma anche i metodi per affrontare al meglio i contesti culturali e sociali diversi.

Si tratta di un corso full-immersion che -attraverso un approccio altamente operativo- renderà i titolari d’impresa/manager in grado di portare immediato valore aggiunto alla propria azienda soprattutto per quanto concerne i temi del marketing e dell’internazionalizzazione .

Il corso di terrà a Vicenza dal 15 al 17 febbraio 2013 (dal venerdì pomeriggio alla domenica mattina).

Nuovo partner per il corso chef della Scuola di cucina maisazi

Un nuovo partner e sostenitore del nostro corso chef: siamo davvero felici come Scuola di cucina maisazi di annunciare che Compagnie delle Puglie si unisce a OfficinaColtelli e Mercato del Gusto come sponsor del corso per executive chef.
Un contributo davvero importante perchè Compagnie delle Puglie mette a disposizione una borsa di studio che ci consente di abbassare sensibilmente il costo di iscrizione al corso.
Compagnia delle Puglie produce e commercializza in Italia e all’estero prodotti tipici pugliesi, sul sito potrete trovare tutte le loro proposte.
I corsi chef si sa, sono impegnativi e molto complessi, richiedono un’attenta pianificazione ed un’organizzazione curata in ogni dettaglio e noi vogliamo offrire il meglio a chi deciderà di iscriversi al corso che abbiamo messo in calendario per agosto 2013. Grazie al contributo degli sponsor potremo dare in dotazione ai corsisti un set di coltelli da cucina professionali, 2 giacche da chef, due pantaloni e due toque, pentolame personale di alto livello (rame e ferro), un iPad per tabelle, ricette e metodi, una dispensa in formato elettronico (PDF).
Tutto questo e, se possibile, anche altro per un piccolo gruppo di cuochi che desidera raggiungere un traguardo professionale importante e diventare chef. Un mese di formazione intensa e molto orientata alle attività pratiche per permettere a ciascuno di vivere e testare personalmente il ruolo di chef, il tutto si concluderà con la possibilità di chiudere il percorso formativo con un tirocinio/stage all’interno di uno dei numerosi ristoranti italiani che hanno aderito al nostro progetto.
Siamo quindi felici che un nuovo sponsor agevoli la partecipazione di chi è interessato ad iscriversi, il nostro più sincero ringraziamento.

Roberta Zantedeschi
Marketing e comunicazione
Scuola di cucina maisazi

Un nuovo partner per il corso chef della Scuola di cucina maisazi

Il corso chef che abbiamo messo a calendario per agosto 2013 da qualche giorno vanta un nuovo sponsor, che si unisce ai già presenti Mercato del Gusto e Officina Coltelli: è con grande piacere infatti che annunciamo la collaborazione con Compagnie delle Puglie che ha deciso di partecipare al nostro progetto mettendo a disposizione una borsa di studio che ci consentirà di abbassare sensibilmente il costo di iscrizione al corso.
Compagnia delle Puglie produce e commercializza in Italia e all’estero prodotti tipici pugliesi, sul loro sito troverete tutte le proposte.

Organizzare e proporre corsi chef è una sfida che impegna molto ma offre anche grandi soddisfazioni e noi, come Scuola di cucina maisazi, lo facciamo solo quando sappiamo di poter offrire un percorso di elevato livello formativo e un’esperienza dal grande valore professionale. Il corso richiede molte risorse, materiali, strumenti e attrezzature, ma anche un’accurata pianificazione e il supporto di strutture esterne alla scuola. È per questo che poter contare su partner che credono con noi al progetto è davvero importante. Questo ci permette anche di offrire ai nostri allievi una dotazione davvero ricca: ognuno riceverà un set di coltelli da cucina professionali, 2 giacche da chef, due pantaloni e due toque, pentolame personale di alto livello (rame e ferro), un iPad per tabelle, ricette e metodi e una dispensa in formato elettronico (PDF).

Il corso si rivolge ad un piccolo gruppo di cuochi che ha già maturato una certa esperienza e che desidera ora conseguire un traguardo professionale più elevato: diventare chef, veri manager della cucina di un ristorante. Un mese di formazione intensa e molto orientata alle esercitazioni pratiche per permettere a ciascuno di vivere e provarsi direttamente nel ruolo di chef, a fine corso un esame attesterà i risultati conseguiti ed ogni corsista avrà la possibilità di concludere il proprio percorso con un tirocinio/stage all’interno di uno dei diversi ristoranti italiani che hanno aderito al nostro progetto.

Un benvenuto nel team quindi a Compagnie delle Puglie e il ringraziamento nostro e dei nostri allievi.
Roberta Zantedeschi
Marketing e comunicazione
Scuola di cucina maisazi

Un programma ricchissimo per Venigallia 2012

Solo una manciata di giorni ci separa aLl’ottava edizione di Venigallia 2012, il festival celtico che si tiene a Cesuna nell’Altopiano di Asiago dal 27 luglio al 5 agosto 2012, un appuntamento che ogni anno coinvolge non solo gli appassionati di feste e rievocazioni storiche bensì un ampio bacino di persone desiderose di trascorrere momenti davvero magici, all’interno di un contesto unico immerso nella natura. Un viaggio nel tempo, in un mondo antico ma mai dimenticato: quello dei celti e dei cimbri.
Stiamo lavorando per allestire l’accampamento celtico che vi ospiterà durante la festa: troverete il villaggio storico, il pozzo dei desideri, l’area battaglie e l’area per il tiro con l’arco, ma anche l’area concerti, lo spazio per le mostre e gli immancabili stand gastronomici, i mercatini e gli spazi per i laboratori. Un parco pensato ad hoc per ospitarvi e per offrirvi percorsi ogni giorno diversi e attività sempre nuove. Gli appuntamenti musicali sono davvero numerosi: la prima serata ospiterà il concerto dei Lou Tapage, nei giorni successivi si alterneranno anche gli Sbartze Khatzen, i BCS Blues Contest, i Midnight, e molti altri fino alla chiusura con i Maggie’s Pancakes
Imbarazzo della scelta anche sulle tantissime attività e manifestazioni proposte durante i 10 gg di festival: presentazioni di libri, percorsi didattici per i bambini, spettacoli di cantastorie, sfide di guerrieri, mostre, conferenze ed approfondimenti sulle tradizioni celtiche e cimbre, rievocazioni di antichi mestieri, ecc… Menzioniamo l’appuntamento speciale e imperdibile del 4 agosto, “Andar per erbe”: un’escursione guidata alla scoperta delle piante medicinali e aromatiche del territorio con gli erboristi. Divertimento quindi ma anche cultura, storia, natura e magia a Venigallia.
Vi aspettiamo e vi ricordiamo che è possibile scaricare un coupon sconto sull’entrata per una giornata direttamente dal sito e acquistare on line i vostri biglietti ingresso: prenotate già oggi la vostra avventura a Venigallia.
Sulla pagina facebook se vorrete seguirci vi aggiorneremo quotidianamente sulle novità in programma.

Roberta Zantedeschi
Addetta Spampa
Venigallia by Silikon Cafe

Una cena a Locanda Le Muse per imparare ad usare gli ingredienti del mercato equo-solidale

Che la cucina gourmet, e l’alta ristorazione in generale, si facciano spesso promotrici di iniziative solidali è risaputo (fortunatamente), a Locanda Le Muse, di San Bonifacio (VR) hanno deciso però di fare qualcosa di diverso, pur mantenendosi legati a temi solidali.
Il ristorante infatti, attraverso lo chef Davide Piva, collabora da anni con Cooperativa La Rondine e non è la prima volta che organizza serate dedicate ai prodotti del mercato equo-solidale.
Il 6 luglio 2012 ha organizzato una cena equo-solidale che si situa all’interno di un percorso intitolato “Laboratorio del Gusto Le Muse”: una sorta di itinerario tra le eccellenze enogastronomiche in cui vengono coinvolti direttamente i commensali attraverso formule originali e divertenti che vedono, tra le altre cose, l’abbattimento della storica barriera cucina/sala da pranzo.
È così che è nata l’idea di dedicare una serata ai prodotti etnici: per assaporare gusti esotici e ingredienti poco conosciuti, per sostenere il lavoro e l’impegno della Cooperativa La Rondine, per sensibilizzare chi ancora (pochi per fortuna) non conosce la realtà del commercio equo-solidale ed infine, ma non meno importante, per insegnare a usare anche quegli alimenti che spesso non scegliamo perchè troppo “strani”, così lontani dal nostro modo di mangiare che non sapremmo nemmeno come cucinarli. Davide ha deciso quindi di mettere a disposizione la sua professionalità e di condividere alcune ricette e preparazioni con chi sarà presente all’evento.
Un gioco che ha lo scopo di aiutare chi desidera avvicinarsi alla cucina etnica offrendo qualche suggerimento, ricette, indicazioni pratiche e trucchi di un grande chef.
Non una cena come tutte le altre quindi e nemmeno un corso di cucina, a Le Muse l’originalità sta di casa: vi proporranno una serata coinvolgente e alternativa, durante la quale assaporerete piatti creati appositamente per l’occasione in un contesto davvero magico.
Sarà inoltre presente un piccolo mercatino di prodotti equo-solidali a disposizione di tutti.
Per prenotare:

tel. 0039 045 766 0063

info@locandalemuse.it

 

Roberta Zantedeschi

Marketing e comunicazione Ethica Sas

Prendiamola con Filosofia: la nuova stagione di incontri filosofici a Vicenza

Riparte il prossimo autunno il ciclo di incontri filosofici Prendiamola con filosofia e grande novità di questa stagione: gli appuntamenti triplicano!
L’originale percorso di incontri serali organizzato a Vicenza da Ethica e promosso da Saficof (Scuola di Alta Formazione in Counseling Filosofico) e da Ristoranti che Passione, che unisce filosofia, vino e cibo, cresce e propone tre percorsi diversi, di 7 appuntamenti ciascuno per accontentare tutti i gusti:

  • si conferma il format classico che si terrà a Vicenza presso la sede di Saficof: i 7 peccati capitali saranno il filo conduttore di tutti gli incontri. Un vero e proprio simposio: il dialogo filosofico stimolato dalla degustazione di un vino scelto appositamente per la serata.
  • Prendiamola con filosofia in cantina: il vino prottagonista degli incontri che si terranno in 7 cantine diverse tra Vicenza e Verona, la possibilità quindi di scoprire produttori del territorio e vivere la filosofia in contesti particolarmente suggestivi.
  • Prendiamola con filosofia a tavola: vi porteremo in 7 ristoranti diversi per sperimentare la potenza del cibo quale aggregatore di persone. Seduti a tavola ci confronteremo su alcuni temi dell’animo umano in chiave filosofica.

Questo intenso programma è nato anche dal grande consenso della scorsa edizione, una sorpresa che ha rinforzato la convinzione alla base dell’iniziativa: la filosofia può diventare una pratica alla portata di tutti, uno strumento di approfondimento e di indagine dell’animo umano e della vita di tutti i giorni.
Per partecipare non serve alcuna competenza filosofica, bastano solo curiosità e disponibilità al confronto unite alla voglia di trascorrere alcune serate originali e stimolanti.
A breve sul sito di Ethica il calendario completo dei tre circuiti.

Roberta Zantedeschi
Marketing e comunicazione
Ethica sas

Sconto Estate 2012: promozione anche sul corso chef

Sconto Estate 2012: è così che la Scuola di cucina maisazi ha chiamato la speciale promozione rivolta a tutti gli allievi che decideranno di iscriversi ad un loro corso del calendario 2012-2013 entro il 30 giugno 2012. Uno sconto del 20% sulla somma finale, un risparmio certo e incondizionato, cumulabile con eventuali altri sconti a cui un allievo potrebbe già aver diritto.
Iniziativa volta ad agevolare tutte le persone motivate a frequentare un corso della prestigiosa scuola: il calendario è già pubblicato sul sito quindi non vi resta che scegliere gli argomenti che più vi interessano, prenotare e pagare scontata la vostra partecipazione.
Questa speciale promozione è valida anche per il corso chef organizzato per il mese di agosto 2013 in collaborazione con il fornitore di sali e spezie Mercato del Gusto. Uno dei corsi più prestigiosi della scuola e uno di quelli economicamente più impegnativi: il corso per aspiranti chef rappresenta la grande opportunità per cuochi già esperenziati di acquisire competenze fondamentali per la gestione completa della cucina di un ristorante. Francesco de Francesco, executive chef della Scuola afferma spesso che lo chef non è solo un eccellente cuoco ma il vero manager della cucina: colui cioè che si occupa di creare i piatti del menù ma che contemporaneamente cura gli aspetti economici ed organizzativi della stessa, che gestisce la brigata e sceglie i fornitori. E’ questo che si imparerà al corso chef: un mese di attività -soprattutto pratiche- per permettere un’esperienza diretta dei diversi compiti. Esperienza che potrà completarsi nella cucina di un vero ristorante grazie alla partnership con molti importanti locali che valuteranno la possibilità di ospitare stagisti a fine corso, ne citiamo solo alcuni: Ristorante Angedras di Alghero (SS), Ristorante Le Muse di San Bonifacio (VR), Unisono Jazz Club di Feltre (BL), ecc…
Approfittate quindi della promozione Sconto Estate 2012 e assicurate il vostro posto al corso chef (o agli altri corsi della Scuola).

Roberta Z.
Marketing e comunicazione
Scuola di cucina Maisazi

Intervista a Davide Piva: uno chef 2.0

Come nasce e cosa fa uno chef web 2.0?

Beh nasce da un bisogno: quello di comunicare, esigenza sempre più avvertita anche da quelle realtà che fino a poco tempo fa potevano contare prevalentemente sul passaparola e imperante nel mondo della ristorazione e dell’enogastronomia.

Cosa fa è presto detto: scrive, fotografa, posta sui social, aggiorna il sito e promuove il proprio regno -la cucina- ogni giorno in modo nuovo ed accattivante.

Certo, è vero che sempre più ristoranti affidando il proprio marketing a professionisti esterni qualificati -per fortuna- ma è innegabile che quando in cucina c’è un cuoco web 2.0 ad offrire il proprio contributo il successo è garantito: l’autenticità e la forza della sua comunicazione non hanno paragoni.

Davide Piva è da 10 anni lo chef di Locanda Le Muse, storico e apprezzato ristorante di San Bonifacio (VR), ai piedi delle colline veronesi.

Davide è a tutti gli effetti un cuoco web 2.0: nella sua cucina trovetere padelle, mestoli, coltelli vicini a macchina fotografica e pc sempre collegato in rete.

Come ha vissuto e vive ogni giorno questo doppio ruolo ce lo spiega lui stesso…

– Cominciamo dall’inizio Davide, una domanda scontata: come nasce il desiderio di diventare cuoco?

Una convinzione che mi ha accompagnato fin da piccolissimo. Ad una festa di carnevale a 5 anni mi travestii da cuoco…un caso? Non so. Quello che è certo è che il contatto con la materia prima e la voglia di dar vita a nuovi sapori mi ha accompagnato fin da piccolo.

-Com’è cambiato negli ultimi anni il tuo lavoro alle Muse e come sei diventato un cuoco web 2.0?

Nel 2000 quando sono approdato a “Le muse” la presenza del cuoco non andava oltre i fornelli. Cucinare bene bastava. Già nel 2001 “Le muse” aveva un proprio sito internet. Qualche anno dopo, una profonda ristrutturazione della struttura e dello standard dei servizi offerti ha fatto emergere la necessità di comunicare con più efficacia. E’ qui che probabilmente nasce il cuoco web 2.0! La passione per il PC e la voglia di valorizzare il mio lavoro mi hanno fatto maturare l’idea di un sito che mi consentisse di essere libero nella gestione dei contenuti. Una newsletter che mi permettesse di raggiungere i clienti con le novità dalla mia cucina. Una presenza costante sui social network per raggiungere, dapprima i giovani, ora un popolo molto vario che usa quotidianamente questo strumento.

– Ti saresti immaginato questi mutamenti qualche anno fa?

Che internet fosse una piattaforma importante per la comunicazione lo si intuiva già anni fa. Quello che non immaginavo era di esserne così direttamente coinvolto. Mi ha turbato un po’ inizialmente tradire il grande amore per la cucina con il web. Ora ho raggiunto la consapevolezza che sia l’abbattitore che il PC sono ugualmente parte del mio lavoro.

– Sei attivissimo su facebook e su twitter, ogni mese posti una ricetta nuova sul sito, segui la newsletter e hai sempre mille idee da realizzare per conquistare anche i clienti più esigenti: che cosa cerchi di trasmettere ai tuoi clienti?

Cultura del cibo. Un concetto complesso da spiegare ma che risiede nella nostra natura. La praticità, la fretta, la pigrizia ne inibiscono l’utilizzo. Risvegliare i 5 sensi delle persone ed educarli a conoscere ciò che è buono. I miei clienti spesso mi chiedono dei consigli su come lavorare al meglio un prodotto, in quale stagione o periodo acquistarlo. Usare facebook e twitter mi consente di coltivare questo legame anche nei momenti  in cui il cliente non è seduto al mio tavolo. Non dà ultimo promuovere alcune mie particolari iniziative come Last menu week end, una sorta di saldo sul menu della stagione uscente.

– Quali ingredienti rendono oggi un ristorante vincente, qual è la ricetta perfetta?

Materia prima, lavorazione, comunicazione, freschezza, sorriso. Un sesto ingrediente è la flessibilità che fa di questa lista una vera ricetta. Vi sono mille alternative, più economiche, per chi necessita solo di cibarsi. Chi sceglie il ristorante, oggi, vuole di più e chi opera nel nostro settore deve comprendere l’esigenza di questa svolta.

 

 – Carla ed Emanuele Cederle sono i proprietari e gestori de Le Muse: ti hanno sempre appoggiato?

SI! E’ chiaro che, per età e coinvolgimento,  il cuoco web 2.0 sia io, ma è altrettanto evidente il loro supporto, direi complicità. Una collaborazione che dura da 12 anni  segnata da progetti, fatiche e successi ugualmente condivisi. La flessibilità di cui ti parlavo prima non si compra al mercato ma scaturisce in modo naturale da un team affiatato e con obiettivi comuni.

 

 

Ringrazio Davide e mi trattengo ancora un po’ nella sua cucina, accogliente, aperta e viva come il suo chef, satura di un entusiasmo che trascende il lavoro e parla invece di emozioni.

 

 

Roberta Zantedeschi

Ethica Sas

Osteria Macchiavello si unisce ai partner del corso chef di Maisazi

La scuola di cucina professionale Maisazi di Lonigo (VI), da anni impegnata ad organizzare corsi di cucina e corsi chef, ha deciso di realizzare e mettere a calendario la più prestigiosa delle proprie offerte formative: l’atteso corso per aspiranti chef.
L’iniziativa, che si terrà nel mese di agosto 2013, conta già su un nutrito gruppo di partner e collaborazioni: aziende e ristoranti interessati ad entrare in contatto con i corsisti per valutare possibili stage, tirocini o altre forme di collaborazione.
New entry il Ristorante Osteria Macchiavello, che si unisce a Ristorante Rapsodia, Unisono Jazz Club, Ristorante Angedras ed altri ancora.
L’Osteria Macchiavello, storico ristorante di pesce nel cuore del centro storico di Alghero, è il secondo ristorante sardo a dare la propria disponibilità, lo caratterizzano la capacità di coniugare sapientemente i sapori autentici della cucina tipica sarda e della cucina tipica algherese, mantenendo viva la tradizione delle due anime della gastronomia isolana, un locale importante che aumenta il prestigio del corso chef.
La Direzione della scuola Maisazi è infatti orgogliosa di poter vantare queste collaborazioni che daranno la possibilità ai partecipanti di vivere un’esperienza formativa ma anche professionale di grande valore.
Lo chef, vero manager della cucina, non può accontentarsi di cucinare bene o benissimo, afferma la Direzione della scuola, servono competenze organizzative, gestionali, creative ed anche economiche. Questo corso assicura l’apprendimento, attraverso una didattica pratica e improntata sulle esercitazioni, di tutti gli aspetti tipici del ruolo: creazione di menù e piatti nuovi, gestione degli acquisti e dei fornitori, organizzazione della brigata, gestione degli aspetti economici, ecc…
Accederà al corso un ristretto gruppo di partecipanti composto da cuochi e persone che possano documentare capacità equivalenti ma anche chi non possedesse questi requisiti avrà comunque la possibilità di sostenere un colloquio presso la scuola per valutare un eventuale inserimento.
Ogni allievo a fine corso sosterrà un esame che attesterà le competenze acquisite e otterrà un certificato e una lettera di referenze: sarà uno chef a pieno titolo.

Roberta Z.
Marketing e comunicazione
Scuola di cucina Maisazi