Archivi categoria: Notizie

Bisol e Jada… Degustazione alla Fattoria Dei Matti

La Fattoria Dei Matti vi invita ad una Degustazione di Vini e Prodotti Genuini.

A Settembre la Cantina BISOL e le Specialità Gastronomiche di JADA, per una serata, per una sola Serata, saranno da noi per darvi la possibilità di Degustare Cinque Secoli Di Tradizione…

La serata è fissata per il prossimo giovedì 13 Settembre 2007… una serata all’insegna della Genuinità e del Calore che la Fattoria Dei Matti è in grado di dare.

BISOL, JADA e La Fattoria Dei Matti:
un connubio di qualità e raffinatezza che non ha eguali.

Guarda la galleria di foto della Fattoria Dei Matti.

Nei pressi del Lago D’Orta, accanto alla tenuta del Castello Monte Oro, l’Agriturismo Fattoria Dei Matti ad Ameno (NO) ospiterà l’evento.

Per Informazioni o per partecipare contatta la Fattoria Dei Matti

Il 29 settembre 2007 a Milano, un corso su come apparecchiare la tavola ed organizzare un pranzo

Se per interessi privati o per professione devi organizzare pranzi importanti, segui il corso che sabato 29 settembre a Milano ti insegnerà a predisporre il menu, apparecchiare la tavola, abbinare i vini coi cibi e le più importanti regole del galateo e dell’etichetta.

Maisazi.com (www.maisazi.com) organizza il corso di cucina operativa Apparecchiare la tavola e organizzare un pranzo, in cui gli allievi impareranno come organizzare un pranzo perfetto rispettando i tempi delle portate, le regole di un menu formale e l’abbinamento del vino col cibo.

Si parlerà, inoltre, della disposizione dei posti a tavola, di come abbellirla e di come disporre le posate ed i bicchieri.

La giornata si concluderà con le regole del galateo a tavola, sia in termini storici, sia per le evoluzioni dettate dai tempi moderni.

Sabato 29 settembre 2007, a Milano, il corso si terrà presso il ristorante enoteca La Cantina, a pochi passi da Porta Romana.

Prenotazione e costi

Per partecipare, occorre prenotarsi telefonando al +39 (340) 7159429 o scrivendo a Mariangela Balsamo, copertina75@maisazi.com. Il costo è di 90 euro a persona.
Altre informazioni sono sulla pagina ufficiale del corso.

Piùgusto 2007 – Salone Internazionale Svizzero del Gusto

Dal 7 al 9 dicembre prossimi il Centro Esposizioni di Lugano ospiterà la prima edizione di piùgusto, il Salone Internazionale Svizzero del Gusto, manifestazione fieristica vivace ed elegante, unica nel suo genere nella Confederazione Elvetica, dedicata alla promozione dei migliori prodotti tipici locali ed internazionali presenti sul mercato. ( sito ufficiale dell’evento: www.salonedelgusto.ch ).

Sono già oltre 200 gli espositori accreditati per una superficie che si prevede di minimo 9000 mq. Il Direttore Davide Maffei è soddisfatto: “Finalmente il nostro territorio propone un evento enogastronomico di reale portata internazionale che sin dal primo anno riscuote un successo di espositori incredibile. Produttori da Svizzera, Italia, Spagna, Portogallo, Grecia, Germania ed altri esotici in arrivo saranno i protagonisti di questa tre giorni all’insegna del piacere dei sensi. Presentazioni, conferenze, ospiti illustri, chef, sommelier internazionali e mille altre sorprese saranno da cornice all’evento”.

La manifestazione, supportata dalla Regio Insubrica, Municipio di Lugano, Lugano Turismo ed Hôtellerie Suisse, si inserisce nel calendario degli appuntamenti imperdibili dell’autunno ticinese in arrivo: a ridosso del periodo natalizio sarà l’occasione per riscoprire le tradizioni, le curiosità e le novità del mondo enogastronomico che cambia. Aperta agli operatori di settore ed al pubblico privato. Ricordiamo che Lugano si trova nel Cantone di lingua italiana della Svizzera ed è facilmente raggiungibile in breve tempo dalle regioni italiane confinanti.

Contatti: piùgusto 2007 – Salone Internazionale Svizzero del Gusto

Segreteria Organizzativa: Veria S.A. Via Giulia 43 CH 6855 Stabio – Fax: 0041912201801 – Email: info@salonedelgusto.ch – Web: www.salonedelgusto.ch

Calici di stelle a Lucera e a Lecce

Torna l’atteso evento d’estate del Movimento Turismo del Vino Puglia con grandi vini, teatro e musica.

Saranno Lucera domenica 5 agosto e Lecce venerdì 10 agosto le protagoniste della nona edizione di Calici di stelle, l’evento organizzato dal Movimento Turismo del Vino Puglia e tradizionalmente legato al fascino della settimana di San Lorenzo, atteso da migliaia di appassionati provenienti da ogni parte d’Italia e anche dall’estero.
La doppia data permetterà infatti di portare la manifestazione e i vini pugliesi, quasi contemporaneamente, in due zone di forte vocazione turistica: il Gargano e il Salento.
Continua la lettura di Calici di stelle a Lucera e a Lecce

Grandi cuochi italiani attivisti di Greenpeace

I bolognesi Marcello e Gianluca Leoni sono considerati tra i migliori cuochi italiani, così definiti anche dal Gambero Rosso. Due chef impegnati che hanno deciso di sostenere la campagna di Greenpeace per eliminare gli Ogm dalla filiera produttiva del Parmigiano. Dalla loro cucina diventano ‘attivisti del gusto sano’ e lanciano una ricetta esclusiva il cui ingrediente principale è il
Parmigiano-Reggiano NON-OGM.
Continua la lettura di Grandi cuochi italiani attivisti di Greenpeace

Estate Settimese 2007

Estate Settimese 2007
Settimo Vittone (TO)
22 giugno – 8 settembre

A Settimo Vittone non ci si annoia di certo in estate. Un programma per tutti i gusti è pronto ad animare le serate di questa località canavesana e non solo. E’ prevista infatti dal 22 giugno una iniziativa che delizierà, anche da un punto di vista culinario, quanti vorranno vivere momenti di assoluta spensieratezza all’insegna del sano divertimento.
Dai prodotti tipici di queste terre offerti in banchetti pantagruelici, allo sport, alla musica ska e folkloristica, l’Estate Settimese è un percorso che si snoda dal 22 giugno all’8 settembre coinvolgendo il capoluogo con le frazioni di Montestrutto, Torredaniele e la borgata alpina di Trovinasse, attraversando le splendidi cornici di piazza Statuto e il Battistero di San Lorenzo, tra le fila dei monumenti seguiti dal FAI…
Scopo della manifestazione è quello di valorizzare il territorio e le sue peculiarità (a Settimo Vittone, 1700 abitanti, sono concentrati più di 15 ristoranti), attraverso la musica, i luoghi, la storia, i prodotti tipici e tutti quegli aspetti che rendono la zona una delle mete preferite di appassionati ed amanti della natura e di tutte le sue innumerevoli sfumature.
L’evento è organizzato dal Comune, dalla Comunità Montana Dora Baltea Canavesana e dai ristoratori con la collaborazione delle associazioni culturali e con gli esercizi ricettivi del paese.

www.settimovittone.info

Info per il pubblico: 0125/658.409

Continua la lettura di Estate Settimese 2007

Salviamo il parmigiano reggiano dagli OGM

ParmigiaNOgm
Greenpeace lancia oggi la campagna per salvare il Parmigiano-Reggiano dagli Ogm. Nonostante l‘esistenza del Consorzio di Tutela di quella che è una delle produzioni più apprezzate dai consumatori e invidiate dal mercato, il parmigiano-Reggiano è incappato nella trappola Ogm: nei mangimi utilizzati per integrare la dieta delle bovine che forniscono il prezioso latte destinato alla produzione del Parmigiano, si è insinuata, infatti, la soia transgenica della Monsanto.

Gli Ogm, oltre agli ormai comprovati pericoli legati al loro rilascio in ambiente, continuano a essere al centro dell’attenzione anche a causa delle incertezze legate al loro consumo umano e animale. La comunità scientifica è divisa, e nuovi studi indipendenti dimostrano che gli Ogm non vengono adeguatamente studiati prima di ottenere l’autorizzazione al commercio e al consumo, confermando il fallimento dell’attuale sistema autorizzativo europeo sugli Ogm.

I consumatori continuano a rifiutarli e lo scorso febbraio, Greenpeace ha consegnato alla Commissione europea, una petizione firmata da oltre un milione di cittadini, per chiedere l’etichettatura dei prodotti derivati da animali nutriti con Ogm, come latte, carne, uova o formaggio. E il nostro parmigiano? In un contesto europeo e mondiale dove sempre più spesso i prodotti italiani di qualità vengono copiati o camuffati – basti pensare ai vari Parmesan, Regianito o Parmesao – la garanzia di sopravvivenza è data dalla qualità e dalla sicurezza al 100 per cento. Il Parmigiano-Reggiano ha alle spalle otto secoli di storia e tradizione, e oggi la sua genuinità non può essere minacciata dalla comparsa degli Ogm nella sua filiera produttiva.
Continua la lettura di Salviamo il parmigiano reggiano dagli OGM

Con la natura c’è più gusto (ecologia e sapori alla Notte Bianca)

La Notte Bianca di Varese, che sarà sabato 23 giugno, collabora per tenere pulita la Città Giardino. Piazza Giovine Italia diventa per una notte “La Piazza del Tortello”: qui verrà allestito un punto mangereccio che riesce a conciliare buon cibo e tradizioni con il rispetto per la natura. L’idea è di Cuochintesta (www.cuochintesta.it) , circuito dedicato agli chef emergenti, in collaborazione con i giovani cuochi dell’Istituto alberghiero De Filippi di Varese, e prevede l’allestimento dell’unico punto enogastronomico della città ad utilizzare materiali monouso ricavati da materie prime completamente naturali e biodegradabili al 100%.
Continua la lettura di Con la natura c’è più gusto (ecologia e sapori alla Notte Bianca)

Vini senza confini

L’internazionalizzazione del turismo del vino al centro di un convegno a Siena.

VINI SENZA CONFINI
UN PONTE PER L’ESTERO

Per l’occasione illustri relatori a confronto con 20 futuri operatori giunti dal Canada.

Mercoledì 11 luglio alle ore 15.00 presso l’Enoteca Italiana di Siena si terrà un importante convegno dal titolo “VINI SENZA CONFINI – Un ponte verso l’estero”, organizzato dal CNIPA Puglia in partnership con il Movimento Turismo del Vino Puglia e con l’Associazione Culturale Pugliese della “British Columbia”, nell’ambito del progetto formativo “Il Turismo del vino: le buone prassi”, finanziato dal Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale nell’ambito degli interventi per la formazione degli Italiani residenti fuori dall’Unione Europea (D.lgs. 112/98) rivolto all’intera comunità degli Italiani residenti nella circoscrizione consolare della British Columbia e dello Yukon in Canada.
Continua la lettura di Vini senza confini

Resta l’obbligo dell’indicazione d’origine in etichetta

Resta l’obbligo dell’indicazione d’origine in etichetta
Accolta con soddisfazione da Slow Food la decisione del Governo di mantenere gli obblighi di etichettatura sull’origine degli alimenti

La campagna a difesa dell’indicazione d’origine in etichetta, condotta da Slow Food e Coldiretti e sostenuta da milioni di cittadini e parlamentari di ogni schieramento ha portato a un primo importante traguardo: il ritiro da parte del Governo, nella Commissione Politiche comunitarie del Senato, dell’articolo 7 del disegno di legge comunitaria che prevedeva l’abrogazione degli obblighi di etichettatura di origine previsti dalla legge 204 del 2004.

Ora l’attenzione va spostata in sede europea, affinchè l’Italia non incorra in procedure di richiamo da parte dell’Ue, ma la legge 204 sia valutata positivamente. Slow Food infatti auspica che la norma possa diventare un punto di riferimento per le future politiche europee in quanto valido strumento a difesa dei produttori e a tutela dei consumatori.

«Slow Food confida nell’attività del Ministro delle Politiche Agricole Paolo De Castro, il quale ha dimostrato un importante impegno nella salvaguardia del patrimonio agroalimentare del Paese. Grazie alla sua esperienza in materia e al consenso che ha saputo conquistarsi a livello europeo, De Castro è sicuramente la persona che meglio saprà rappresentare le linee guida della 204/2004. Una legge maturata nel contesto italiano, ricco di varietà agroalimentare, che può essere valida anche per gli altri Paesi della Comunità Europea» ha spiegato Roberto Burdese, Presidente di Slow Food Italia.

La trasparenza in etichetta e la valorizzazione dei prodotti locali, come dimostrano i progetti dei Presìdi Slow Food, è la strada vincente per l’affermazione di un’agricoltura ecosostenibile.

Slow Food seguirà con attenzione gli sviluppi della vicenda e promuoverà ulteriori iniziative analoghe affinché le politiche di tutela dei prodotti locali e del patrimonio agroalimentare del Paese abbiano il più ampio consenso possibile.

Intanto Slow Food e Coldiretti proseguono la raccolta firme “Difendiamo l’etichetta!” per rafforzare il messaggio di tutela delle identità agroalimentari.