Archivi categoria: Vino

Velenitaly

Benvenuti a Velenitaly, recita l’articolo de L’Espresso, che porta a galla una situazione inquietante.

Concimi, sostanze cancerogene, acqua, zucchero, acido muriatico e solo un quinto di mosto. Con questo miscuglio sono stati prodotti 70 milioni di litri di vino a basso costo. Venduti in tutta Italia.

Il ministro De Castro ha dichiarato “Il Vigneto Puglia è in costante crescita e il suo livello qualitativo non può certo essere messo in discussione da una o due realtà poco oneste che infangano il buon nome della nostra regione”. È vero, non possono essere pochi criminali a rovinare il nome della regione Puglia e di tutta l’Italia nella produzione di vino. Motivo in più, questo, per avere il pugno di ferro. Ma pensando a come funziona la giustizia in Italia, mi riesce difficile essere ottimista.

Update: se ne parla anche su Tigullio Vino e su Kelablu.

Update 2.0: su velenitaly e le reazioni, con il dubbio che sia quasi una bufala (senza diossina)

Il Teroldego e la leggenda del drago

Il Teroldego nasce in un piccolo fazzoletto di terra chiamato Campo Rotaliano che si estende nella valle dell’Adige poco a nord di Trento, decantato da Goethe nel suo famoso libro “Viaggio in Italia” che lo descrisse come “il giardino delle viti” e da Cesare Battisti che lo definì “il giardino vitato più bello d’Europa”.
Originariamente questo Campo non aveva l’aspetto attuale in quanto tra il 1848 e il 1852 gli Imperatori d’Austria Ferdinando e Francesco Giuseppe deviarono il corso del fiume Noce che spesso causava inondazioni nelle zone circostanti. Rimase così un terreno fluviale molto particolare, con presenza di limo in superficie e di ghiaia, sabbia e ciottoli in profondità che assicurando un buon drenaggio ha permesso la coltivazione della vite in un territorio così pianeggiante.

Il Campo inoltre è posto in una posizione particolarmente favorevole, circondato da pareti rocciose che bloccano il passaggio dei venti gelidi e immagazzinano il calore nelle ore di sole, allo stesso tempo riceve le correnti temperato-umide provenienti dal Garda, assicurando ai vitigni un ricircolo di aria continuo.

E in un posto così speciale non poteva che essere coltivato un vitigno che genera frutti molto pregiati, “l’oro del Tirolo” Tiroler Gold: è da quest’appellativo che sembra provenga l’attuale nome “Teroldego”. Sulla nascita di questo vitigno si narra una fantastica leggenda: un tempo esisteva un drago che terrorizzava la popolazione, la cui casa era posta dove ora si trovano i ruderi del Castel San Gottardo, sulla parete sud del Monte di Mezzocorona. Il Conte Firmian uccise il drago grazie a uno stratagemma e ne portò il corpo a fondovalle per festeggiare con la popolazione la fine del flagello, senonchè alcune gocce del sangue del drago caddero nel terreno e in quel punto nacquero le prime viti di Teroldego.

Il Teroldego da vita ad un vino rosso di grande struttura ed eleganza, ricco di colore e tannini, rosso porpora, tendente al granato, dai profumi intensi di piccoli frutti di bosco e di amarena, caratterizzato da grande complessità e pienezza al palato.

Si presta stupendamente bene sia all’affinamento in legno, per la produzione di vini robusti, capaci di invecchiare anche 15-20 anni, che alla macerazione carbonica per la produzione di un novello in purezza che, in questi ultimi anni, ha dimostrato di disporre di una “marcia in più” rispetto ad altri novelli italiani. Un vino quindi dalle potenzialità enormi, un vino totalmente autoctono che può raggiungere livelli di qualità davvero apprezzabili.

Si dimostra adatto ad accompagnare portate sostanziose come capriolo e polenta, lo spezzatino di cinghiale, le grigliate miste di carne e gli arrosti in genere. Generoso nell’abbinamento con formaggi stagionati come i pecorini ed il Parmigiano. Nella versione novello è assolutamente da provare con il fegato alla veneziana, con le castagne al forno, con le scaloppine di pollo o con il tacchino ai funghi, ma in genere è un piacere da gustare a tutto pasto.

I vini siciliani dell’annata 2007

Nel corso della conferenza stampa “Il vino siciliano: sintesi seduttiva tra antica tradizione e moderni scenari di consumo” che si è svolta a Marsala, comune che insieme alla provincia di Trapani ha ospitato la V° edizione di “Sicilia en Primeur”, è stato reso noto il rating sulla vendemmia 2007.

L’enologo Riccardo Cotarella ha espresso valutazioni positive sull’annata 2007, parlando di “eleganza, frutto, equilibri e nobiltà organolettica”. Dal punto di vista qualitativo, l’annata è stata valutata tra le quattro e le cinque stelle.

Ulteriori informazioni sul sito Assovini Sicilia.

Guida ai vini di Puglia e Basilicata

Guida ai vini di Puglia e Basilicata.

Per la quarta edizione grande evento-degustazione con la partecipazione di produttori, autorità e sommeliers.

Mercoledì 28 novembre alle ore 18,30 a Bari, presso l’Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci (Estr. Capruzzi 326), l’Edisud – società editrice di La Gazzetta del Mezzogiorno – presenterà l’edizione 2008 della Guida ai vini di Puglia e Basilicata.

L’evento, aperto al pubblico e con ingresso gratuito, offrirà l’opportunità di scoprire e degustare i vini delle due regioni, verificando così la costante crescita qualitativa dell’enologia del Sud e le interessanti novità delle ultime annate: in 336 pagine la Guida presenta infatti ben 179 aziende, con 532 vini degustati, oltre 1000 etichette menzionate e 35 Eccellenze (25 per la Puglia e 10 per la Basilicata), ovvero i vini che hanno ottenuto il massimo punteggio rappresentato dal simbolo della bottiglia colorata con 5 tacche.

Presentatore dell’evento l’attore Antonio Stornaiolo, che darà vita ad uno show nel quale si alterneranno tutti i protagonisti della Guida, dagli editori ai sommeliers dell’AIS Puglia e Basilicata, che hanno curato le degustazioni.

Sono stati invitati, quali ospiti d’onore della serata: per la Puglia il presidente della Regione Nichi Vendola, l’assessore regionale alle Risorse Agroalimentari Enzo Russo, il presidente dell’Unioncamere Puglia Luigi Farace, l’assessore all’Agricoltura della Provincia di Bari Anna Paladino; per la Basilicata il presidente della Regione Vito De Filippo e l’assessore regionale all’Agricoltura Roberto Falotico. Saranno inoltre presenti: Lino Patruno, Direttore de La Gazzetta del Mezzogiorno, Giuseppe Lobuono, presidente e amministratore delegato dell’Edisud, Leonardo Palumbo, presidente di Assoenologi di Puglia, Basilicata e Calabria, Vito Giuseppe d’Angelo, presidente AIS Basilicata, Vito Sante Cecere, presidente AIS Puglia.

Momento centrale dell’evento sarà la degustazione dei vini di punta di ciascuna azienda, una straordinaria vetrina di etichette selezionate dai produttori suddivise in 8 banchi d’assaggio che riproporranno la ripartizione territoriale che contraddistingue la Guida: dal Salento alla Daunia, dal Vulture ai Sassi. Una rassegna che vedrà dunque in primo piano i vitigni più rappresentativi di ogni territorio, come il Negroamaro del Salento, il Primitivo della Messapia e della Murgia, il Nero di Troia (per tutta l’area da Bari a Foggia), fino al sontuoso Aglianico, re di Basilicata.

Benvenuta vendemmia in Puglia

In Puglia festa di fine estate con “Benvenuta vendemmia”
Domenica 30 settembre visite in cantina, degustazioni guidate e brindisi con i primi vini dell’annata 2007.

Edizione speciale di Benvenuta Vendemmia in Puglia. La manifestazione d’autunno del Movimento Turismo del Vino si svolgerà domenica 30 settembre dalle 10 alle 18 in 15 cantine associate con una novità assoluta: la degustazione dei primi vini della nuova annata.

La vendemmia 2007, infatti, sarà il frutto di un’estate dal clima eccezionale, che ha portato le cantine ad anticipare notevolmente la raccolta: “Per la fine del mese quasi tutte le aziende pugliesi avranno completato la vendemmia – spiega Leonardo Palumbo, presidente di Assoenologi Puglia, Basilicata e Calabria – e saranno persino pronti i primi bianchi da chardonnay, pinot e sauvignon vendemmiati già agli inizi di agosto.”

Domenica 30 settembre, quindi, i turisti del vino potranno non solo visitare gli impianti e ammirare le vigne, ma anche degustare gratuitamente in anteprima, fra gli altri, i primi vini dell’annata 2007, annunciata come eccellente per qualità nonostante un calo produttivo pari a circa il 20% rispetto alla precedente. Per degustarli in modo corretto si rinnova l’iniziativa “In Vetro Veritas”, grazie alla quale in ogni azienda saranno a disposizione, al costo di 5 euro, i calici in vetro con tasca porta bicchiere.

Per accogliere al meglio gli appassionati, inoltre, le aziende organizzeranno per l’occasione eventi speciali come mostre d’arte, spettacoli di musica e danza popolare, degustazioni verticali di annate storiche.

“Aprire le cantine in questo periodo è un impegno notevole per i vignaioli – spiega Vittoria Cisonno, presidente del Movimento Turismo del Vino Puglia – ed è proprio per questo che i turisti apprezzano in modo particolare questa manifestazione, perché offre l’opportunità di comprendere il grande lavoro che c’è dietro ogni singola bottiglia”.

Anche in occasione di Benvenuta Vendemmia si rinnova la collaborazione fra Movimento Turismo del Vino Puglia e gli appassionati di bicicletta con un itinerario all’insegna di gusto e natura organizzato dalla Fiab Ruotalibera Bari.

Per informazioni: 080 5233038 (dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 17.30) – puglia@movimentoturismovino.itwww.mtvpuglia.it.

Calici di stelle a Lucera e a Lecce

Torna l’atteso evento d’estate del Movimento Turismo del Vino Puglia con grandi vini, teatro e musica.

Saranno Lucera domenica 5 agosto e Lecce venerdì 10 agosto le protagoniste della nona edizione di Calici di stelle, l’evento organizzato dal Movimento Turismo del Vino Puglia e tradizionalmente legato al fascino della settimana di San Lorenzo, atteso da migliaia di appassionati provenienti da ogni parte d’Italia e anche dall’estero.
La doppia data permetterà infatti di portare la manifestazione e i vini pugliesi, quasi contemporaneamente, in due zone di forte vocazione turistica: il Gargano e il Salento.
Continua la lettura di Calici di stelle a Lucera e a Lecce

Vini senza confini

L’internazionalizzazione del turismo del vino al centro di un convegno a Siena.

VINI SENZA CONFINI
UN PONTE PER L’ESTERO

Per l’occasione illustri relatori a confronto con 20 futuri operatori giunti dal Canada.

Mercoledì 11 luglio alle ore 15.00 presso l’Enoteca Italiana di Siena si terrà un importante convegno dal titolo “VINI SENZA CONFINI – Un ponte verso l’estero”, organizzato dal CNIPA Puglia in partnership con il Movimento Turismo del Vino Puglia e con l’Associazione Culturale Pugliese della “British Columbia”, nell’ambito del progetto formativo “Il Turismo del vino: le buone prassi”, finanziato dal Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale nell’ambito degli interventi per la formazione degli Italiani residenti fuori dall’Unione Europea (D.lgs. 112/98) rivolto all’intera comunità degli Italiani residenti nella circoscrizione consolare della British Columbia e dello Yukon in Canada.
Continua la lettura di Vini senza confini

Nudo e crudo – Degustazioni Indipendenti

Libreria “La citè” & Gusto Nudo presentano:
NUDO E CRUDO – Degustazioni Indipendenti
FIRENZE, Borgo San Frediano 20rosso, 15 Giugno 2007

NUDO E CRUDO – DEGUSTAZIONI INDIPENDENTI è un progetto che vedrà presenti a Firenze all’interno dei locali della libreria La Citè – laboratorio di sperimentazione culturale di recente apertura – alcuni produttori vinicoli, il cui lavoro è quanto più distante e differente dalla logica omologante e standardizzante del gusto diffusa dalla grande distribuzione.
A partire dal 15 Giugno e per i mesi successivi, a cadenza periodica, si susseguiranno degustazioni ed incontri con aziende agricole, il cui lavoro è caratterizzato dal rispetto per la terra, per le dinamiche di produzione e per il lavoro in cantina, che si vogliono il più naturale possibili e rispettosi della tradizione contadina.

NUDO E CRUDO si propone di ricostruire relazioni tra dimensione agricola e metropolitana, di costruire uno sbocco di mercato per produttori e vignaioli indipendenti difficilmente rintracciabili altrimenti; di offrire una opportunità per recuperare capacità sensitive annebbiate, udito, olfatto, gusto, tatto; di ritrovare un senso dell’agire lontano dal semplice consumo, per lo scambio continuo tra diverse forme di vita e di creatività.

Nella giornata del 15 Giugno i visitatori potranno incontrare e degustare i prodotti di 6 aziende vinicole provenienti dal territorio toscano, durante la serata sarà possibile comprare i prodotti delle aziende presenti a prezzo di cantina.

NUDO E CRUDO
15 GIUGNO, dalle 17.30 alle 23.30, Libreria “La Citè” Borgo San Frediano 20rosso, Firenze
Continua la lettura di Nudo e crudo – Degustazioni Indipendenti

Attorno a Siena per Cantine Aperte

Vernaccia PietrafittaPer questa edizione di Cantine Aperte, per ridurre al minimo il margine di errore, ho scelto la provincia di Siena.

Partendo dall’idea “un bianco e un rosso” ho scelto San Gimignano e Montalcino. Due luoghi che, appena nominati, ad ogni intenditore e appassionato, fanno venire in mente rispettivamente “Vernaccia” e “Brunello“.
Continua la lettura di Attorno a Siena per Cantine Aperte

In Puglia per Cantine aperte 2007

CANTINE APERTE 2007: QUEST’ANNO SCELGO LA PUGLIA

Doppia data (26-27 maggio), lotteria del calice, pacchetti per il week-end.

Parte dalla Puglia uno degli inviti più allettanti per la 15a edizione di Cantine Aperte, la grande festa del vino e dei suoi territori che coinvolge ogni anno oltre mille aziende socie del Movimento Turismo del Vino di tutta Italia. In Puglia anche quest’anno l’evento è reso possibile grazie al contributo dell’Assessorato alle Risorse Agroalimentari della Regione Puglia.

Saranno 46 le cantine partecipanti all’edizione 2007, tutte identificate dalla nuova targa in terracotta donata dalla presidente nazionale Chiara Lungarotti ai soci del Movimento quale segno distintivo di qualità dell’accoglienza e punto di riferimento per gli enoturisti invitati a “diffidare dalle imitazioni”.
Continua la lettura di In Puglia per Cantine aperte 2007