Brunellopoli e la facile soluzione al problema

Il disciplinare di produzione del Brunello di Montalcino prevede (tra gli altri) questi requisiti:

  • Zona di produzione: Comune di Montalcino
  • Vitigno: Sangiovese (denominato, a Montalcino, “Brunello”)

Brunellopoli (e come altro, sennò?) è il termine giornalistico dato all’indagine in corso sul Brunello di Montalcino che tanto Brunello di Montalcino non è, dato che alcune (poche, l’1% pare, ma famose anche per i meno esperti come il sottoscritto) aziende produttrici non usavano esclusivamente sangiovese (e forse neanche proveniente dal comune di Montalcino). Il reato in questione, per la cronaca, è “frode in commercio e falso in atto pubblico”.

La cosa bizzarra (ripeto, non sono esperto: ecco perché uso questo termine, anche se a me per primo sembra un eufemismo) è che ora la soluzione al problema è quella di cambiare il disciplinare di produzione (!!).

Non mi dilungo troppo sulla cosa e rimando a chimilioni di volte più competente di me in materia – ne ha già parlato diffusamente (anche) qui e qui.

Io posso solo dire che questa soluzione mi ha fatto subito venire in mente una battuta (in tutt’altro contesto) di Corrado Guzzanti:

Se i partiti non rappresentano più gli elettori, cambiamoli questi benedetti elettori!

Il problema, però, è che nel caso del Brunello non si tratta di una battuta

Update: Soldera mette il veto statuario ad eventuali decisioni sul disciplinare. Evviva Soldera!

Un commento su “Brunellopoli e la facile soluzione al problema”

  1. Girovagavo tra i blog sul vino……..sul Brunello ci sono degli sviluppi interessanti, nuovi sequestri a carico di importanti aziende e poi è saltata la testa del Presidente del Consorzio coivolto anche lui nello scandalo, un certo Conte Francesco Marone Cinzano……… E l’immagine dei prodotti italiani continua il suo lento declino! Voi cosa ne pensate?
    Complimenti per il blog di facil lettura e con tante belle informazioni!
    Salutoni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.