Risotto con i carciofi

Ricetta del risotto con i carciofi.

Ingredienti:
– 500 gr di riso (arborio o carnaroli)
– carciofi (6/8 carciofi, a seconda della dimensione)
– 1 cipolla
– 1 spicchio d’aglio
– burro
– olio extravergine d’oliva
– sale
– parmigiano reggiano grattuggiato

Preparazione:
Pulire i carciofi e tagliarli in piccoli spicchi. Nel frattempo, in una pentola rosolare l’aglio nell’olio finché non si sarà indorato. A quel punto, togliere l’aglio dalla pentola ed aggiungere la cipolla tagliata sottile, abbassando la fiamma. Quando la cipolla sarà sufficientemente soffritta, aggiungere i carciofi. Far cuocere a fuoco lento aggiungendo un po’ di brodo caldo. Quando i carciofi saranno sufficientemente cotti, aggiungere il riso ed un pizzico di sale. Aggiungere continuamente un mestolo di brodo alla volta, finché il riso non sara cotto. A questo punto, aggiungete un po’ di burro ed il parmigiano. Mescolate bene il tutto e lasciate riposare alcuni minuti.

Sulla scelta del riso per il risotto, consiglio le varietà arborio o carnaroli (ma non sono certo le uniche) perché sono i più adatti. Ma comunque, generalmente, non c’è difficoltà a scegliere la varietà giusta in quanto le confezioni già riportano l’uso più adatto: in questo caso, quello del risotto.

3 commenti su “Risotto con i carciofi”

  1. Credo che una buona variante sia questa: cuocere con l’aglio intero in camicia i carciofi puliti e tagliati in ottavi e i gambi spellati e tagliati in pezzi piccoli.
    Aggiungere a fine cottura una manciatina di prezzemolo tritato.
    Togliere dalla casseruola gli spicchi di carciofo e metterli da parte.
    Ai gambi rimasti nella casseruola aggiungere lo scalognp tritato, farlo dorare e tostare il riso, quindi far sfumare poco vino bianco.
    Portare a cottura con brodo vegetale e 5 minuti prima del termine della cottura, aggiungere gli spicchi di carciofo. A cottura ultimata ( al dente ) ed a fuoco spento, mantecare con parmigiano ed eventualmente una noce di burro, mantenendo il risotto all’onda.
    Poi coprire, attendere 2 minuti e servire in tavola con una grattata di pepe nero se gradito e qualche scaglietta di parmigiano per decorare il piatto.
    Vino? Vermentino di Gallura, oppure una Falanghina.
    Buon appetito
    Roberto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.