La parata di culi grossi…

la trovi solo da McDonald’s!!!

Dopo due anni e mezzo dall’ultima volta, sono entrato in un McDonald’s. Non starò qui a spiegare il perchè, dato che le motivazioni sono nulle. Forse è stato il desiderio di verificare quella sensazione di dipendenza di cui si parlava in Supersize me.

Ad ogni modo, è stata l’occasione per fare una piccola, semplice, banale considerazione. Non sul cibo, chiaramente. Cosa dovremmo considerare?
La considerazione è stata sulle persone che ho trovato dentro: qualche turista straniero che trova un posto familiare, e sa quel che trova da mangiare (e nonostante questo ci entra!); qualche artista di strada (eufemismo); e tanti ragazzini, ma soprattutto ragazzine, appena usciti da scuola.

Ed è alle ragazze che escono da scuola ed entrano in un McDonald’s che voglio rivolgere questa mia riflessione: ora, potete fregarvene dell’effetto che quel “cibo” avrà sulle vostre arterie e sui vostri organi. Capisco se, alla vostra età, non vi interessate al problema. Ma fatelo almeno per il vostro appeal. Mangiare lì dentro vi fa venire un culo enorme! Non ho dubbi su quanto affermo, dopo aver verificato di persona che il 100% delle ragazze dentro al McDonald (in quei pochi minuti che mi sono serviti per inghiottire un BigMac, delle patatine fritte iper-salate e una cara vecchia Coca Cola ad arrotondare la quantità di calorie assorbite), da una postazione favorevole (ad una decina di metri di distanza da una scala che dal piano interrato – dove si mangia – conduce all’uscita), avevano tutte il culo grosso. Uno spettacolo indecoroso!

Ragazze, sveglia! Smettetela di imbottirvi di quello schifo. Che vi piaccia o meno, noi maschietti vi guardiamo il culo. E se mangiate da McDonald’s, ce ne accorgiamo subito. E giriamo lo sguardo altrove.

2 commenti su “La parata di culi grossi…”

  1. io sono un maschio di 34 anni 1.70 di altezza per
    71 kg non sono peso forma ma di solito quando guardo una ragazza non mi fermo al culo…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.