Grandi cuochi italiani attivisti di Greenpeace

I bolognesi Marcello e Gianluca Leoni sono considerati tra i migliori cuochi italiani, così definiti anche dal Gambero Rosso. Due chef impegnati che hanno deciso di sostenere la campagna di Greenpeace per eliminare gli Ogm dalla filiera produttiva del Parmigiano. Dalla loro cucina diventano ‘attivisti del gusto sano’ e lanciano una ricetta esclusiva il cui ingrediente principale è il
Parmigiano-Reggiano NON-OGM.

“Pensiamo che sia giusto premiare la fiducia del consumatore e che quest’ultimo venga tutelato dal Consorzio del Parmigiano-Reggiano”. Sostiene Marcello Leoni “Questo infatti è sicuramente l’organismo che maggiormente può svolgere tale ruolo, ancor prima delle attività di controllo svolte dai vari NAS e ispettori veterinari.”

La campagna di Greenpeace per eliminare gli Ogm dalla filiera produttiva del Parmigiano-Reggiano continua a raccogliere adesioni. Sono già oltre 9.000 le richieste inviate al Consorzio tramite il sito www.parmigiaNOgm.it. La genuinità di questo prodotto non può essere minacciata dall’uso di Ogm.

“Il problema riguarda i mangimi, in particolare l’utilizzo di soia Ogm della Monsanto, come si può evincere dalle stesse etichette dei mangimi utilizzati in molti degli allevamenti aderenti al Consorzio, con tutte le problematiche legate sia all’immissione in natura che agli effetti, non ancora completamente conosciuti, che gli Ogm potrebbero avere sulla sicurezza alimentare” spiega Federica Ferrario, responsabile della campagna Ogm per Greenpeace “la possibilità che DNA transgenico possa trovarsi nel latte non può essere esclusa, specie nel caso di animali nutriti con Ogm per lungo tempo, come i bovini.”

L’esperienza di numerose aziende italiane dimostra che oggi, è possibile e conveniente escludere l’uso di Ogm da tutti i passaggi della produzione, sia negli ingredienti che nei mangimi animali. Una scelta praticabile oltre che necessaria, proprio per tutelare questa produzione, anche dal plagio dei vari Parmesan o Regianito, come già dimostrato dalla produzione biologica e da quegli allevatori aderenti al Consorzio che, autonomamente, hanno già attivato filiere completamente non-Ogm anche nei mangimi. I consumatori hanno ampiamente dimostrato di preferire prodotti Non-Ogm, a questo punto la scelta non è più soltanto etica ma strategica.

Chi sono Marcello e Gianluca Leoni:
Usciti ancora giovani dalla inesauribile fucina di talenti, che “IL TRIGABOLO” di Argenta (FE) ha rappresentato per tanti anni nella ristorazione italiana, passati poi attraverso altre esperienze formative importanti, i fratelli Leoni sono ormai una realtà nel panorama nazionale della ristorazione italiana, tanto da essere stati valutati fra i migliori 12 giovani cuochi emergenti. La loro è una cucina che regala grandi emozioni giocando, con equilibrio, tra tradizione e creatività.

Sul sito di Greenpeace la ricetta con il Parmigiano-Reggiano Non-Ogm www.greenpeace.it/parmigiano

Per informazioni:
Ufficio Stampa Greenpeace, Tel. 06.68136061 [int. 203-222]
Addetta Stampa Vittoria Iacovella cell. 348 3988615
Federica Ferrario, responsabile campagna OGM, cell. 348 3988616
Marcello Leoni, cuoco No-Ogm 051.700102

Un commento su “Grandi cuochi italiani attivisti di Greenpeace”

Rispondi a unicorn Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.