La “Cuccìa” della mia bisnonna.

Mia nonna, da sempre, il 13 dicembre mangia soltanto un piatto molto povero fatto a base di latte e frumento chiamato “cuccìa”.
Un giorno quando ancora ero piccina le chiesi perché lo facesse.

Mi raccontò, così, che sua madre era molto devota a Santa Lucia e siccome era la protettrice della vista, le aveva fatto un voto. Nel suo giorno, il 13 dicembre appunto, avrebbe mangiato soltanto la “cuccìa” pensando che i suoi occhi così sarebbero stati protetti dalla Santa.

In realtà in Sicilia è appunto tradizione mangiare in quel giorno solo la “cuccìa”.

“La storia racconta che Siracusa sia stata colpita da una grave carestia nel 1646, durante la dominazione spagnola; che nella disperazione del momento sia giunta una nave carica di frumento e che questa circostanza sia stata ritenuta un miracolo. Da allora alla devozione per Santa Lucia è stato associato l’uso del mangiare “cuccìa”.”

Quando fui più grande venni a sapere che quando la mia bisnonna morì, era ormai quasi cieca!
Mia nonna mi disse che in ogni caso ci teneva a continuare questa tradizione per sentirsi, almeno per un giorno, un po’ più vicina a sua madre, anche se non credeva affatto nella protezione della Santa.

Il cibo può svolgere molte funzioni, non solo l’appagamento dei nostri sensi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.